Elster: monili preziosi nati da object trouvè

Elster - Istanbul

Ho sempre detto che mi piace raccontare le storie che si celano dietro a mai semplici “prodotti”. Queste storie solitamente sono tanto più spontanee e vive quanto più il brand è agli inizi: è il caso di ELSTER, la linea di monili ideata dalla Designer e Art Director Martina Uderzo.

Martina viaggia spesso tra Europa ed Africa e nel 2012 ha iniziato a lavorare sul concept di Elster, ricercando e mettendo insieme object trouvè, sapori vintage e minuziosa cura artigiana per realizzare collane e bijoux unici e ricchi di contaminazioni multiculturali. Non fatevi sorprendere dall’aspetto semplice delle collezioni di Elster: ogni pietra, ceramica, catenina o gancetto nasconde un passato misterioso e affascinante di cui porta i rispettabili segni. Non a caso Martina ha scelto un nome che significa in tedesco “gazza ladra”, un animale spesso presente nel simbolismo e associato a forza e vanità.

Elster - Berlin

Ogni creazione di Elster è, naturalmente, un pezzo unico, nato da oggetti meticolosamente rinvenuti nei mercatini delle pulci o nei mercati delle spezie. Alcuni aspettavano Elster sulla spiaggia, alcuni sono appartenuti ad un mondo industriale lontano e riportati in vita in una nuova dimensione intimamente glamour.

Le collezioni di Elster sono in divenire, ispirate e legate profondamente al concetto di viaggio – con tutti gli elementi che esso comporta: i profumi e i colori delle città sono impregnati negli elementi dei monili, siano essi in oro placcato, argento, elementi ceramici antichi e pietre dure, madreperla, cotone o piccole componenti d’epoca.

Elster-collana-Paris-in-oro-rosa

Berlino, Parigi, Istanbul, Lamu: qual è il vostro mood Elster? Io, che amo particolarmente l’oro rosa, non posso che essere attratta da Paris (foto qui sopra): una collana preziosa, ma semplice e discreta, ricca di eleganza leggera – come i fili di cotone che la completano. Se come me siete curiosi di scoprire le evoluzioni di questo giovane progetto, seguite Elster su Facebook!

Leave a Reply