Occhiali Mosaico Collection di Dolce & Gabbana: la tradizione artigiana rivive nel lusso

Occhiali Mosaico Collection di Dolce & Gabbana - sterlizie blog

Visto che finalmente la Primavera sta arrivando insieme alle prime giornate di bel tempo, oggi voglio parlarvi di occhiali da sole e in particolare di un omaggio alle tradizioni del più alto artigianato italiano: gli Occhiali Mosaico Collection di Dolce & Gabbana.

dolce & gabbana occhiali mosaico collection - making

In questa splendida Limited Edition presentata nella collezione FW 2014, viene applicata agli accessori l’arte del micro mosaico, le cui radici risalgono addirittura all’antica Roma. La tecnica del micro mosaico, o mosaico minuto filato, richiede che il vetro venga inizialmente “filato” in sottili bacchette da cui poi si ricavano le minuscole tessere che comporranno l’opera, molto più piccole di quelle utilizzate nei mosaici classici.

dolce & gabbana occhiali mosaico collection detail

Per gli Occhiali Mosaico Collection di Dolce & Gabbana la fashion house italiana si è rivolta ai maestri della lavorazione del vetro di Murano, che hanno fornito la propria esperienza e le proprie competenze per creare splendide composizioni floreali ricche di dettagli: foglie, pistilli, singoli petali. Sulla montatura dorata vengono così incastonate a mano, una a una, più di mille tessere. Il risultato è un bouquet fiorito di viole del pensiero di un rosso romantico, plumeria bianco neve, gerbere rosa e lilla non-ti-scordar-di-me.

dolce and gabbana fw 2014-mosaic-women mosaic collection sunglasses

Più che di un accessorio qui stiamo parlando di un’opera d’arte, unica e inimitabile e degna di essere chiamata, nel mondo che le appartiene, haute couture.

Qui potete vedere il video pubblicato dal canale ufficiale di Dolce & Gabbana che mostra le tecniche usate per la realizzazione degli occhiali Mosaic Collection: è bello sapere che radici, tradizione e artigianato italiano vengono attualizzati ed esaltati non solo dai nuovi makers e giovani imprenditori, ma anche dai grandi brand, che dall’alto possono davvero contribuire a una rinascita del Made in Italy.

2 Comments

  1. Andreina

Leave a Reply